Vai al contenuto
Home » CUBOETTAEDRO

CUBOETTAEDRO

Che cos’è il cuboettaedro?

Immagina di avere 64 piccoli tetraedri, come dei mini piramidi a 4 facce. Se li impili perfettamente, uno sopra l’altro, creano una forma più grande chiamata “cuboottaedro”. Richard Buckminster Fuller, un famoso architetto e inventore, lo chiamava “Equilibrio vettoriale” perché è una struttura molto stabile e bilanciata.

Secondo la fisica di Nassim Haramein, questa griglia di 64 tetraedri è come il seme di una struttura molto più grande, chiamata “vuoto universale”. Il vuoto universale è l’energia che riempie tutto lo spazio, e questa struttura di tetraedri è il punto di partenza da cui si forma.

Perché proprio 64 tetraedri? Perché è il numero minimo necessario per creare una struttura frattale, che significa che si ripete all’infinito su scale diverse. Se immagini di ingrandire una piccola parte del vuoto universale, vedresti la stessa struttura di tetraedri che si ripete all’infinito, sempre più piccola.

In parole semplici, questa struttura di 64 tetraedri è come il mattone fondamentale dell’universo, il punto di partenza da cui si crea tutto.